La Repubblica

CHIARA SPAGNOLO

CI SONO i nomi dei braccianti sfruttati e quelli delle aziende per cui lavorano: una vera e propria lista di collocamento clandestina nell’agenda sequestrata al caporale che la Procura di Lecce ha iscritto nel registro degli indagati per la morte di Mohamed, il sudanese di 47 anni stroncato da un malore mentre raccoglieva pomodori in un campo sulla Nardò-Avetrana. Lavorava in nero per l’azienda di Pippi Mariano, 75enne già arrestato nel 2012 per sfruttamento della manodopera clandestina e riduzione in schiavitù e oggi di nuovo indagato insieme con la moglie Rita De Robertis. …link

Menu