Donne, nigeriane, schiave fra i profughi: “Così bisogna fermare lo sfruttamento sessuale”

La Repubblica

Dal 2015 a fine maggio sono arrivate 8.600 persone tra ragazze e minori non accompagnati nigeriani. Un aumento del 300 per cento in un anno. E secondo l’Oim l’80 per cento di queste persone sono vittime di traffico per la prostituzione. Ecco cosa dovrebbero fare le istituzioni

DI FRANCESCA SIRONI

QQWQuando l’hanno trovato c’era un’altra ragazza in casa.Anche lei minorenne. Anche lei nigeriana. Anche lei schiava, costretta a prostituirsi. Anche lei vittima di uno dei cinque nigeriani arrestati pochi giorni fa a Brescia e Torino per sfruttamento della prostituzione. Pezzi di una rete ricostruita dalla squadra mobile di Ragusa grazie alla denuncia di un’adolescente.L’avevano vista allo sbarco, a Pozzallo. Avvicinata con l’aiuto un’interprete, si era fidata: e aveva raccontato del viaggio a cui era stata convinta nel suo paese, del debito, dei riti, aveva consegnato agli agenti il numero della maman-prossineta che l’avrebbe dovuta avviare alla strada in Italia, nel Nord.
Per loro lo sbarco in Italia è l’inizio di un nuovo incubo: la prostituzione forzata. Accade a migliaia di donne africane. Da mesi i trafficanti approfittano dell’esodo dei profughi. Sfruttando l’emergenza. Mentre il governo non si muove ..leggi

Menu