Avvenire.it

Stefania Falasca

«Ho dichiarato più volte che queste nuove forme di schiavitù – traffico di esseri umani, lavoro forzato, prostituzione, commercio di organi – sono crimini gravissimi, una piaga nel corpo dell’umanità contemporanea». Con durissime parole il 18 aprile papa Francesco aveva espresso l’ennesima denuncia dell’«abominevole crimine» della tratta al cospetto degli esperti riuniti presso la Pontificia Accademia delle Scienze sociali: «Innanzitutto, dobbiamo far prendere più consapevolezza di questo nuovo male che, nel mondo globale, si vuole occultare perché scandaloso e ‘politicamente scorretto’. A nessuno piace riconoscere che nella propria città, nel proprio quartiere pure, nella propria regione o nazione ci sono nuove forme di schiavitù, mentre sappiamo che questa abominevole piaga riguarda quasi tutti i Paesi. Dobbiamo denunciare questo terribile flagello nella sua gravità». …leggi

Menu