MILANO – In arrivo oltre un milione di euro per togliere dal racket minori, donne e transessuali

Obiettivo News

MILANO – Il progetto per soccorrere le vittime della tratta e contrastare il racket della prostituzione,
proposto dall’Assessorato alle Politiche sociali è stato approvato dal Dipartimento per Pari Opportunità della
Presidenza del Consiglio dei Ministri e riceverà un finanziamento di 1,9 milioni di euro.
Con queste risorse si svilupperanno interventi su un territorio sovra comunale (come richiesto dal bando) che
comprende anche le province di Como, Monza e Brianza, Sondrio e Varese destinati a donne, uomini e
persone transessuali, vittime di tratta per sfruttamento sessuale, lavorativo, accattonaggio ed economie
illegali.
Gli interventi indicati nel progetto hanno la finalità di contrastare quanto più possibile la tratta di esseri
umani. Da inizio gennaio sono state 115 le persone prese in carico dai nostri servizi: 98 donne, 9 uomini, 7
transessuali e 1 minorenne. Le azioni messe in campo riguarderanno il contatto, l’emersione, la tutela e la
prima assistenza e in via transitoria, l’alloggio, il vitto e l’assistenza sanitaria. Le vittime della tratta per
sfruttamento sessuale sono quasi tutte donne straniere provenienti da Nigeria, Europa dell’Est e Sudamerica.
Le risorse del Comune messe destinate ai servizi contro la tratta sono cresciute nel tempo passando dai
120.000 euro del 2012 ai 520.000 euro del 2017. A queste si sono unite le risorse messe a disposizione dal
Dipartimento Pari Opportunità pari a 380.000 euro.
Con l’approvazione del nuovo progetto il Governo metterà a disposizione 1,9 milioni di euro.
“Aggiungiamo nuove risorse e moltiplichiamo gli sforzi per contrastare tratta e nuove schiavitù”, ha detto
l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino. “In questi anni abbiamo sensibilmente aumentato i
fondi, ora ci dobbiamo misurare con la necessità di mettere in campo nuove azioni e strumenti a sostegno
delle vittime, persone di cui si parla sempre troppo poco e che rischiano di essere carne da macello di fronte
a meccanismi micidiali di sfruttamento organizzato”. Leggi…

Menu