Nel mondo 30 milioni di schiavi E l’Italia ha il record in Europa

Il Messaggero

di Marco Ventura

Tratta, schiavitù, sfruttamento. La giornata internazionale che celebra oggi la prima rivolta di schiavi e l’abolizione della schiavitù serve a ricordarci che questa piaga esiste ancora. 

Nel mondo sono quasi 30 milioni (29,5 per la precisione) le persone soggette a sfruttamento lavorativo o sessuale, e 5 milioni e mezzo sono minori. In Italia, sui 340mila che lavorano tra i 7 e i 15 anni, 28mila sono “a rischio di sfruttamento” (per il 73 per cento italiani, il 27 stranieri). Sette su 10 hanno svolto un lavoro continuativo, più di 4 sgobbano 7 ore al giorno. La metà di notte….leggi

Menu