Perù: duemila vittime salvate dalla tratta di esseri umani, il 42% minori

RadioVaticana

(R.P.)

Oltre 2mila vittime (il 42% delle quali sono minori) della tratta di esseri umani sono state salvate dalla polizia dal giugno 2011 ad oggi, secondo i dati diffusi dalla Segreteria Generale del Ministero degli Interni del Perù, nel corso di una conferenza stampa nell’ambito delle celebrazioni della Giornata internazionale contro la tratta degli esseri umani. Secondo una nota inviata all’agenzia Fides, l’alto numero di minori vittime della tratta degli esseri umani ha suscitato profonda emozione nel Paese. La Chiesa Cattolica ha portato avanti per diversi mesi la Campagna di Solidarietà “Compartir” (“Condividere”) 2013, nell’ambito della quale è stata lanciata l’iniziativa “Salvare vite”, che cerca di sensibilizzare i bambini e gli adolescenti su come evitare di finire vittima di questo crimine. Proprio ieri Papa Francesco ha pubblicato il Messaggio per la prossima Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, nel quale si legge: “Alla solidarietà e all’accoglienza, ai gesti fraterni e di comprensione, si contrappongono il rifiuto, la discriminazione, i traffici dello sfruttamento, del dolore e della morte. A destare preoccupazione sono soprattutto le situazioni in cui la migrazione non è solo forzata, ma addirittura realizzata attraverso varie modalità di tratta delle persone e di riduzione in schiavitù. Il “lavoro schiavo” oggi è moneta corrente!”.

Menu