I progetti previsti dal bando unico sono posti in essere da Enti pubblici o del privato sociale (purché iscritti nell’apposita sezione del registro delle associazioni e degli enti che svolgono attività a favore degli immigrati) e hanno come obiettivi quelli di mettere in atto:

  • Attività di primo contatto con le popolaizoni a rischio di sfruttamento volte alla tutela della salute e all’emersione delle potenziali vittime di tratta e/o grave sfruttamento, con particolare attenzione alle persone richiedenti o titolari di protezione internazionale;
  • Azioni proattive multi-agenzia di identificazionedello stato di vittima anche presso le Commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale;
  • Protezione immediata e prima assistenza quali pronta accoglienza, assistenza sanitaria e tutela legale conformemente a quanto previsto dall’articolo 13 della L. 228/2003;
  • Attività mirate all’ottenimento del Permesso di Soggiorno ex art. 18 D.Lgs. 286/98;
  • Formazione (alfabetizzazione linguistica, informatica, orientamento al lavoro, corsi di formazione professionale) e inserimento socio-lavorativo;
  • Azioni volte ad integrare il sistema di protezione delle vittime di tratta con il sistema a tutela dei richiedenti/titolari di protezione internazionale/umanitaria, compresa l’attivazione di percorsi integrati di tutela tra i due sistemi

 

 

 

Progetti attivi nel periodo 01/12/2017 – 28/02/2019 (Ente proponente, nome progetto, competenza territoriale):

  • Ass. La Strada, “Alba”, Trentino Alto Adige
  • Ass. Lule, “METTIAMO LE ALI 2.0 – dall’emersione all’integrazione”, Province di Bergamo, Cremona, Mantova, Lecco, Lodi, Pavia, Brescia
  • Ass. On the Road, “ASIMMETRIE 2 -Marche  – Azione di Sistema Integrato Multiregionale MEdio-adriatico contro la TRatta e lo sfruttamento e per l’Inclusione socio-lavorativa delle vittimE”, Regione Marche
  • Ass. On the Road, “ASIMMETRIE 2 -Abruzzo e Molise  – Azione di Sistema Integrato Multiregionale MEdio-adriatico contro la TRatta e lo sfruttamento e per l’Inclusione socio-lavorativa delle vittimE”, Regioni Abruzzo e Molise
  • Ass. Penelope, “Nuvole 2”, Province di Messina e Catania
  • Coop. Soc. Proxima, “FARI”, liberi Consorzi comunali di Ragusa, Siracusa, Caltanissetta , Enna, Agrigento;
  • Casa dei Giovani, “Maddalena“, Città metropolitana di Palermo, libero Consorzio comunale di Trapani
  • Cestrim, “Persone, non schiave”, Regione Basilicata
  • Comune di Milano, Derive e Approdi“, Città Metropolitana di Milano; province di Monza Brianza, Varese, Sondrio, Como
  • Comune di Venezia, “N.A.Ve. – Network Antitratta Veneto” (sito: www.progettonave.it), Regione Veneto
  • Congregazione delle Figlie della Carità, “Elen Joy”, Regione Sardegna
  • Coop. Dedalus, “Fuori Tratta – Azioni per l’emersione, l’assistenza e l’integrazione sociale rivolte alle vittime di tratta e grave sfruttamento”, Regione Campania
  • Regione Calabria, “IN.C.I.P.I.T. – INiziativa Calabria per Identificazione, Protezione ed Inclusione sociale delle vittime di Tratta”, Regione Calabria
  • Regione Emilia Romagna, “Oltre la strada – 2017/2018”, Regione Emilia Romagna
  • Regione Friuli Venezia Giulia, “Il FVG in rete contro la tratta”, Friuli Venezia Giulia
  • Regione Lazio, “Rete antitratta Lazio 2”, Regione Lazio
  • Regione Liguria, “HTH Liguria: Hope This Helps – Il sistema Liguria contro la tratta e lo sfruttamento minorile”, Regione Liguria,
  • Regione Piemonte, “L’Anello Forte – Rete antitratta del Piemonte e Valle d’Aosta”, Regione Piemonte e Regione Valle d’Aosta;
  • Regione Puglia, “La Puglia non Tratta – Insieme per le vittime“, Regione Puglia
  • Regione Umbria, “FREE LIFE 2 – Fuori dal Rischio Emarginazione ed Esclusione – Liberi Insieme Favorendo l’Emersione”, Regione Umbria
  • Società della Salute Zona Pisana, “SATIS II – Sistema Antitratta Toscano Interventi Sociali”, Regione Toscana

 

Меню