Seviziavano e stupravano i migranti: arrestati tre scafisti nigeriani

La Stampa

Erano sbarcati a Lampedusa il mese scorso. Le testimonianze: “Legati e picchiati nelle piante dei piedi”.
Due fermati anche a Catania: uno è accusato di concorso in omicidio
Sequestravano, seviziavano e stupravano i migranti: tre scafisti nigeriani, sbarcati a Lampedusa il 16 aprile,
sono stati arrestati dalla Polizia ad Agrigento. L’accusa nei loro confronti è di associazione per delinquere
finalizzata alla tratta e al traffico di esseri umani, sequestro di persona a scopo di estorsione, violenza
sessuale, omicidio, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. I migranti, minacciati con i kalashnikov,
erano costretti a stare all’interno di un edificio, chiamato “Casa bianca”, in attesa di partire dalla Libia per
raggiungere le coste italiane. Leggi…

Menu